La Carovana Rosa a Caivano per promuovere i valori dello sport

Print Friendly, PDF & Email
Durata della lettura: 3 Minuti

La Carovana Rosa è arrivata a Caivano per un momento di divertimento e per promuovere lo sport come messaggero sociale.

Presenti le Istituzioni, il Direttore del Giro d’Italia, e un ospite d’eccezione: Faustino Coppi, il figlio del Campionissimo.

Caivano - Carovana Rosa - I giovani e lo sport

L’iniziativa è stata voluta dalla Città Metropolitana di Napoli per sensibilizzare i giovani del territorio, attraverso il linguaggio a loro più consono ovvero quello della musica, dello spettacolo e del divertimento, verso i valori dello sport. L’iniziativa è stata sostenuta da RCS Sport e dalla Commissione straordinaria del Comune di Caivano.

La Carovana Rosa a Caivano

Dopo il passaggio della Carovana, che ha dato vita a uno show sensazionale, c’è stato spazio per un momento istituzionale e sportivo a cui hanno preso parte il coordinatore della commissione straordinaria che guida il Comune di Caivano, Filippo Dispenza, il Direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni, il Commissario straordinario di Governo per Caivano Fabio CicilianoGiuseppe Cirillo, Vicesindaco della Città Metropolitana di Napoli, in rappresentanza del Sindaco metropolitano, Gaetano Manfredi.

LE DICHIARAZIONI

Faustino Coppi: “Sono particolarmente onorato di partecipare a questa iniziativa e spero di essere all’altezza di poter lanciare un messaggio a questi ragazzi. Credo che l’esempio di mio padre possa dimostrare come con lo sport e il sacrificio, uniti ai valori di lealtà, fratellanza, amicizia e solidarietà, si possa costituire una strada per il successo. Per questo, il consiglio che mi sento di dare ai giovani di Napoli e di ogni altra città è quello di fare tutto ciò in cui vorranno cimentarsi con la testa, ma soprattutto con il cuore, e di vivere la propria vita nel rispetto degli altri: è questa la vera vittoria nella vita, questo il vero obiettivo da raggiungere”.

Mauro Vegni, Direttore del Giro d’Italia: “Da sempre il Giro d’Italia stabilisce un legame con i territori che attraversa. Ne è la riprova la partecipazione del pubblico, apprezzata e osannata sui media di tutto il mondo, durante la giornata di ieri, in cui la folla si è riversata sulle strade per il passaggio della corsa. Il Giro però non è solo un evento sportivo, è anche e uno strumento che promuove tematiche importanti e lo dimostra la giornata di oggi nella quale abbiamo portato a Caivano, oltre allo spettacolo della Corsa Rosa e della sua Carovana, anche i valori sociali di cui lo sport è messaggero”.

Author: Domenico Pecora

Domenico Pecora, nasce a Cosenza nel 1966 e negli anni ottanta inizia a frequentare le prime radio e televisioni libere dove si alterna, fino al 1993, tra le conduzioni dei Tg e le riprese video collaborando anche con importanti network. Nel 1994 intraprende la professione bancaria ma non abbandona la sua passione principale ovvero la fotografia e tutto quello che ruota intorno a questo mondo. Dal 2019 segue sistematicamente eventi nazionali come il Giro d'Italia, il Festival di Sanremo ed alcune delle fashion week della moda italiana. Al suo attivo ha pubblicazioni fotografiche su importanti riviste internazionali come Vogue e CameraPixoPress.