Vangelo e Meditazione VI DOMENICA TEMPO ORDINARIO – ANNO A

Così fu detto agli antichi; ma io vi dico. Dal Vangelo secondo Matteo Mt 5, 17-37
Print Friendly, PDF & Email
Durata della lettura: 4 Minuti

Vangelo e Meditazione della VI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO A a cura di Don Giacomo Equestre

Così fu detto agli antichi; ma io vi dico.

Dal Vangelo secondo Matteo 5,17-37

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento.

In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.

Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli.

Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli.

Io vi dico infatti: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.

Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio”.

Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio.

Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna.

Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono.

Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione.

In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo!

Avete inteso che fu detto: “Non commetterai adulterio”. Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel proprio cuore.

Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna.

E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna.

Fu pure detto: “Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto del ripudio”.

Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, eccetto il caso di unione illegittima, la espone all’adulterio, e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio.

Avete anche inteso che fu detto agli antichi: “Non giurerai il falso, ma adempirai verso il Signore i tuoi giuramenti”.

Ma io vi dico: non giurate affatto, né per il cielo, perché è il trono di Dio, né per la terra, perché è lo sgabello dei suoi piedi, né per Gerusalemme, perché è la città del grande Re.

Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello.

Sia invece il vostro parlare: “sì, sì”, “no, no”; il di più viene dal Maligno».

Parola del Signore

Meditazione

Il Signore chiede ai suoi discepoli una purezza grande   …   purezza di cuore, di mente, di mani, di occhi, di desideri, di volontà, di lingua. Si noti bene.

Se una purezza manca, tutte le altre mancano.

Se uno non è puro nel cuore, mai sarà puro nella lingua e mai sarà puro nei pensieri, nei desideri, nella volontà, nelle mani.

Le sei contrapposizioni con la Legge Antica non sono da prendersi da soli, come se uno potesse esistere senza l’altro.

Uno esiste se l’altro esiste e uno è forte se l’altro è forte.

Se uno è debole tutti saranno deboli. Se uno è inesistente, tutti gli altri saranno inesistenti.

Il rispetto di un uomo comincia dagli occhi, dalla bocca, dal desiderio.

Se occhi, bocca, desiderio non sono puri, tutto il corpo sarà travolto dall’impurità.

A volte un solo sguardo impuro conduce un uomo in perdizione.

Davide per un solo sguardo divenne adultero e omicida.

Vegliare per avere il governo del propria persona è obbligo per ogni discepolo di Gesù.

I sensi vanno tutti custoditi.

Nessuno potrà custodire i sensi, se non custodisce il cuore.

Tutto è dalla custodia del cuore.

Ecco perché Gesù dice che i puri di cuore vedranno Dio.

Gesù lo affermerà con sapienza eterna.

Chi vuole custodire la lingua deve divenire buono dentro.

Dovrà essere buono nell’anima e nello spirito.

Dovrà essere albero nuovo. Se l’albero è cattivo sempre le sue parole saranno cattive.

Ma chi può fare nuovo il cuore, la mente, i desideri, la volontà, l’anima, lo spirito dell’uomo è solo Cristo Signore.

Lui dalla Croce versa lo Spirito di Dio e ogni grazia.

Lo Spirito Santo crea l’uomo nuovo con la grazia di Cristo.

L’uomo nuovo, alimentandosi di Spirito Santo e di grazia, può fare ogni cosa nuova.

Vangelo e Meditazione di Don Giacomo Equestre

Foto: Barbato G. (1899), Dipinto con Gesù che predica ai discepoli

Beni Culturali Ecclesiastici in Web

Author: Don Giacomo Equestre