Vangelo e Meditazione della V Domenica di Quaresima – Anno B

Vangelo e Meditazione della V Domenica di Quaresima – Anno B
Print Friendly, PDF & Email
Durata della lettura: 3 Minuti

Vangelo e Meditazione della V Domenica di Quaresima – Anno B a cura di Don Giacomo Equestre.

Se il chicco di grano caduto in terra muore, produce molto frutto.

Post in breve

Vangelo della V Domenica di Quaresima

Dal Vangelo secondo Giovanni 12, 20-33

In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: «Signore, vogliamo vedere Gesù».

Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: «È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato.

In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto.

Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna.

Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore.

Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome».

Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!».

La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato».

Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi.

Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori.

E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me». Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Parola del Signore

Meditazione V Domenica di Quaresima

Il brano di Vangelo di questa quinta domenica di Quaresima che ci prepara alle celebrazioni pasquali, inizia con alcuni greci, quindi stranieri e lontani dal popolo ebreo, che vogliono vedere Gesù.

In questi greci possiamo benissimo vedere anche noi stessi e tutti coloro che in qualche modo si interrogano su Gesù, sulla fede e su Dio.

Sono uomini e donne in ricerca ai quali Gesù dà una risposta a prima vista strana e non in sintonia con la domanda.

Ovviamente l’evangelista Giovanni ci fa comprendere la ricerca di vedere Gesù non si esaurisce con uno sguardo lontano e superficiale.

Vedere Gesù significa entrare in contatto con tutta la sua persona e il senso profondo della sua esistenza.

Se fosse una semplice ricerca superficiale, allora a noi oggi sarebbe davvero impossibile vedere Gesù.

Quindi le sue parole sono una risposta anche a noi oggi.

Gesù dà una risposta spiazzante, e come proposta di incontro mette davanti un piccolo seme e un patibolo di morte.

È così che possiamo vedere Gesù e soprattutto comprenderlo e viverlo, facendolo passare dalla superfice dei nostri occhi al profondo del nostro cuore e della nostra vita.

Gesù è come un piccolo seme, pieno di vita, carico di futuro, che deve per questo sparire nella terra, morire a se stesso come seme, per far emergere la pianta che racchiude dentro.

Questo è Gesù fin dal suo apparire piccolo bambino di Betlemme.

Questo è il Figlio di Dio racchiuso nel limite dell’uomo Gesù di Nazareth, vulnerabile e mortale.

Questo è Dio che con i gesti delle mani, lo sguardo amorevole, la parola di Gesù arriva a toccare la vita e i cuori di chi è più lontano, entrando nel profondo della terra umana.

Se il seme non muore non serve a nulla. Ma Gesù ha mostrato proprio che entrando profondamente nella esperienza umana alla fine è uscito il frutto della resurrezione.

Vedere Gesù è guardarlo sulla croce, nell’atto supremo del dono di vita per amore, rinunciando a tutto pur di amare.

La potenza di Dio è nell’amore, e sulla croce questo amore diventa concreto e non rimane solo parole.

È un amore che attira vita, e diventa strada da percorrere per ogni vita umana.

È amore totale, un amore possibile a tutti gli uomini, di ogni lingua, credo, cultura e tempo.

La forza del piccolo seme dell’amore e il dono della vita sono il grande insegnamento di Gesù che vale per tutti gli uomini, credenti e non credenti.

A tutti Dio dona questa forza e indica la strada. Sta a noi crederci, seminare, morire, dare la vita, non smettere di sperare.

Leggi altro di Don Giacomo Equestre

Foto: Grigoletti M. (1846), Gesù Cristo predica alle folle – Vedi scheda

Author: Don Giacomo Equestre